Vai al contenuto

Ho visto cose…

Alcuni ricordi che risalgono ai primi kilometri che ho percorso

Questo è il primo Computer su cui ho "messo le mani":
Il Control Data Corporation - Cyber-76 presso il CINECA.
 CDC Cyber-76

E questa era la mia interfaccia con tale magnificenza - le schede perforate !

Poi sono passato al Digital VAX11/780 a cui avevo accesso tramite terminale VT100

Dopo una breve parentesi sul PDP-11 (sempre della Digital Equipment Corporation)

 DEC PDP-11

...eccomi a lavorare in COBOL sul "mini-computer" (lo chiamavano così)
Honeywell DPS-6
Notate l'unità a nastro, l'unità Floppy 8 pollici, il disco removibile Winchester che andava "spadellato" dentro lo sportello in basso e la console esadecimale in cui per avviare il BOOT si doveva digitare una sequenza "magica" di istruzioni.
Me la ricordo ancora:
STOP - CLEAR - LOAD - READY - EXECUTE
STOP - SELECT - "D1" - STOP - READY - EXECUTE
semplice vero ?

 Honeywell DPS-6

Ma ho lavorato anche sul suo fratellino minore: il Microsystem 6/20

 Honeywell Microsystem 6/20

Poi è venuto per me il tempo dei "micro-computer":

L'Apple 2: ci lavoravo in UCSD Pascal che era sia un Sistema Operativo che una implementazione del linguaggio Pascal messi a punto dall'Università di San Diego

 Apple 2

Lo Hewlett Packard HP-85: ci lavoravo in BASIC. Era un computer "all-in-one" che aveva tastiera e video (piccolissimo) integrati ed aveva addirittura una unità nastro a cassette ed una stampante termica grafica.

 Hewlett Packard HP-85

Olivetti M20: ci avevo montato su una versione dell'UCSD Pascal. Aveva già allora un Processore a 16 bit (Zilog Z-8000) che condivideva con tutti gli altri successivi modelli della "Linea 1" di Olivetti (M30, M40, M60). L'idea di Olivetti era una linea omogenea di macchine: dal Personal Computer al Main Frame, tutti con lo stesso microprocessore e lo stesso Sistema Operativo (che bello eh ?).

  Olivetti M20

Olivetti M30, M40, M60: Sistema Operativo MOS (sviluppato da Olivetti)

Poi è uscito il PC IBM, ma io preferivo l'Olivetti M-24 anche perchè aveva come microprocessore la CPU Intel 8086 (a 16 bit) e non l'8080 (a 8 bit).
La confezione includeva un Manuale Utente ed un Manuale Tecnico che riportava i listati del BIOS in Assembler !

 Olivetti M-24 - MS-DOS

IBM Personal System 2 con CPU Intel 286. Ci lavoravo in "C"

..ed utilizzavo una delle prime Reti Locali: IBM Token Ring
La rete Token Ring era costituita da un "anello" in cui giravano i pacchetti.
I pacchetti contenevano un TOKEN che indicava il mittente ed il destinatario.
Il pacchetto, una volta messo "in circolo" nell'anello dal mittente veniva ricevuto dal destinatario che così liberava il TOKEN per una successiva trasmissione.
Le connessioni venivano effettuate tramite una sorta di SWITCH: la Multi-Station Access Unit.
Quando il PC inizializzava la scheda di rete si sentiva il "click" del relè all'interno della MAU che "apriva l'anello" ( ! ).

 La rete Token Ring

 Multi-Station Access Unit (MAU)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.